05 - CATASTO-STUDIO TECNICO GIANFRANCO MUTTI - GEOMETRA

05 - CATASTO


In questa pagina sono inserite informazioni e documenti relativi ad argomenti tecnici di carattere generale.
 


Inserimento superficie catastale nella visura degli immobili


L'Agenzia delle Entrate rende visibile, oltre ai dati identificativi dell’immobile (Comune, sezione urbana, foglio, particella, subalterno) e i dati di classamento (zona censuaria, categoria catastale, classe, consistenza, rendita) la superficie catastale nelle visure delle unità immobiliari censite nelle categorie dei Gruppi A - B  - C per consentire ai cittadini di verificare i dati  utilizzati dai Comuni ai fini del controllo della tassa rifiuti.

In caso di incoerenza tra la planimetria conservata agli atti del catasto e la superficie calcolata, i cittadini interessati potranno inviare le proprie osservazioni per la rettifica.

Per gli immobili non dotati di planimetria,  i proprietari possono presentare una dichiarazione di aggiornamento catastale, con procedura Docfa, per l’inserimento in atti della planimetria catastale. Tale adempimento è, comunque, necessario, in quanto, in caso di vendita dell’immobile, il proprietario è tenuto ad attestare “la conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie"


Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208)


La Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208) ha introdotto novità in tema di  catasto.

Determinazione della rendita catastale dei gruppi D - E 

A decorrere dal 1° gennaio 2016, la determinazione della rendita catastale degli immobili a destinazione speciale e particolare, censibili nelle categorie catastali dei gruppi D ed E, dev’essere effettuata, tramite stima diretta, tenendo conto:
• del suolo e delle costruzioni;
• degli elementi ad essi strutturalmente connessi che ne accrescono la qualità e l’utilità, nei limiti dell’ordinario apprezzamento.

Esclusioni

Sono esclusi dalla stessa stima diretta macchinari, congegni, attrezzature ed altri impianti, funzionali allo specifico pro-cesso produttivo.

Atti di aggiornamento

A decorrere dal 1° gennaio 2016 gli intestatari catastali degli immobili di cui sopra possono presentare atti di aggiornamento ai sensi del D.M. 19 aprile 1994, n. 701, per la rideterminazione della rendita catastale degli immobili già censiti nel rispetto dei criteri illustrati nel punto precedente.

N.B.: per gli atti di aggiornamento di cui sopra presentati entro il 15 giugno 2016, le rendite catastali rideterminate hanno effetto dal 1° gennaio 2016.
 

*** ***